Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookies per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Continuando la navigazione accetti il loro uso. Per maggiori informazioni clicca QUI.

Malgrado la pioggia battente, venerd' 12 maggio uno scroscio di sereno e di luce ha illuminato il Centro Sociale di Villar Dora con protagonisti di una bella serata otto brillanti personaggi dello sport italiano: sette allenatori di sei discipline diverse e un giornalista di grande pregio hanno allietato la platea con una lezione di filosofia interdisciplinare. Renato Canova per l'atletica, Sandro Damilano per la marcia, Antonino Asta ed Ezio Rossi per il calcio, Fabrizio Miletto per il nuoto, Simone Aversa per la pallanuoto e Gianni Asti per la pallacanestro. Il moderatore, giornalista e scrittore, autore di tanti libri sulla storia del Toro, Giuseppe Gandolfo, ha abilmente palleggiato con i maestri, interrogandoli sulla formazione dell'atleta singolo e di squadra.

"L'allenatore è il leader al quale il singolo o la collettività di affida". E ancora: "il gruppo deve supportare l'individuo in quanto si tratta di una squadra". Ecco le linee discusse e condivise dagli ospiti. Ogni atleta ha un ruolo ben definito; nello sport di squadra ogni giocatore non può fare le stesse cose di un altro. Nell'allenare una squadra o un singolo, è necessaria tanta sensibilità in quanto si è contemporaneamente davanti ad uno soltanto o più atleti diversi l'un dall'altro. Ognuno con una storia diversa. E' d'obbligo entrare nella testa di ogni individuo, anche perchè il rapporto è intenso e giornaliero.

Le soddisfazioni poi, sfociano da entrambe le parti; quindi si scopre che dialogo e motivazione sono i fattori più importanti per rangiungere l'obiettivo.

Abbiamo tutti respirato un'aria di entusiasmo nel racconto del vissuto di ognuno dei protagonisti. Sensazioni di grande passione recepite dalla platea perchè trasmesse dai singoli con intensità di sentimento.

Alla serata erano presenti ex campioni di atletica come Maura Viceconte e Valter Durbano, oltre alle autorità della Valle. Ha inoltre partecipato Daniela Ruffino, vicepresindente del Consiglio Regionale del Piemonte, e l'assessore allo sport del Comune di Torino, Roberto Finardi. Entrami hanno sottolineato l'importanza del ruolo dell'allenatore, che riescie a formare e plasmare i giovani talentuosi rendendoli consapevoli delle loro capacità, sforzandoli onestamente alle battaglie fino all'ultimo sangue.

Soddisfazione da parte della consigliera Franca Gerbi, organizzatrice della serata, che sottolinea l'importanza dello sport nella vita di ognuno di noi. "E' fondamentale insegnare una disciplina fin da piccoli, in quanto non solo si vivie meglio fisicamente, ma stimola a rispettare le regole corrette nei confronti del prossimo."

foto